Impianti dell’acqua ad osmosi inversa

Differenze di processo tra osmosi ed osmosi inversa

Come avviene?

 L’osmosi inversa avviene grazie ad una membrana che trattiene il soluto (acqua contenente un’altra concentrazione di impurità) da una parte impedendone il passaggio e permettendo di ricavare il solvente(acqua demineralizzata) puro dall’altra. Questo fenomeno non è spontaneo e richiede il compimento di un lavoro meccanico pari a quello necessario per annullare l’effetto della pressione osmotica.

Durante il processo di osmosi inversa la pressione meccanica fa si che l’acqua passi attraverso a delle membrane che impediscono il passaggio di sostanze e detriti nocivi, come metalli pesanti, calcio,  fosfati e molecole inquinanti, demineralizzandola, ma facendo passare molecole idrofile(simili all’acqua come composizione).

Le membrane usate nell’osmosi sono generalmente fatte in poliammide, sostanza scelta principalmente per la sua permeabilità all’acqua e la relativa impermeabilità alle varie impurità disciolte, inclusi gli ioni salini e altre piccole molecole che non possono venire filtrate.

Filtri a osmosi inversa per il settore domestico

Alcuni sistemi di trattamento dell’acqua potabile, sono stati creati per abbattere le cariche di nitrati presenti nell’acqua, questi impianti sono collegati alla rete idrica e rimuovono la maggior parte di impurità disciolte nell’acqua, facendo si che l’acqua osmotizzata abbia un residuo fisso molto basso.
I sistemi di osmosi inversa più innovativi sono dotati di miscelazione tra acqua osmotizzata e microfiltrata, cioè consentono di regolarla a piacere il residuo fisso secondo il proprio gusto.

Categorie: